A. Azioni preparatorie

This post is also available in: Tedesco Inglese

A.1 Revisione e analisi d’impatto dato dai progetti e dagli strumenti esistenti

LIFEstockProtect

Per stabilire una base comune di conoscenze tra i beneficiari e per sfruttare le conoscenze e le esperienze dei progetti passati, analizzeremo le linee guida disponibili per i protocolli di protezione del bestiame . In questo modo, saranno identificate le carenze esistenti che questo progetto dovrà affrontare. Ciò sarà fatto creando un database di informazioni esistenti e sulla base di queste effettuerà una valutazione SWOT (Forze, Debolezze, Opportunità e Minacce) e un’analisi dell’impatto del progetto.

I risultati saranno presi in considerazione nell’attuazione di tutte le azioni del progetto, e in particolare nelle Azioni C.1-C.6.

A.2 Analisi delle parti interessate, mappa e piano del network delle lobby

Il progetto necessita di un approccio ben strutturato e partecipativo per coinvolgere attivamente i principali stakeholder nelle azioni. Ciò è importante per migliorare il trasferimento di conoscenze e la disponibilità a cooperare nell’attuazione della protezione del bestiame. Al fine di coinvolgere tutti le parti in modo efficace, condurremo un’analisi degli stakeholder, sulla base della quale sarà sviluppata una mappa per la consultazione e il coinvolgimento con loro. Il loro impegno attivo aiuterà il progetto a identificare le esigenze degli stakeholder e fornisce l’opportunità di prendere i loro
suggerimenti in considerazione. Ciò contribuirà ad aumentare l’accettazione sociale e la tolleranza al riguardo della protezione del bestiame nelle aree interessate dal progetto. Infine, sulla base dei risultati sarà sviluppato un piano del network delle lobby.

Questa azione fornisce le informazioni necessarie per attuare l’Azione C.3.


A.3 Raccolta dati sulla predazione del bestiame da parte del lupo, sull’impatto della protezione del bestiame, sulla dimensione umana e sulla legislazione

LIFEstockProtectLIFEstockProtect

Per comunicare efficacemente la necessità e il valore della protezione del bestiame, è fondamentale tenere conto della letteratura scientifica più recente. Esaminando la letteratura disponibile e raccogliendo dati sugli argomenti riportati di seguito, creeremo un’ampia base di conoscenze che sarà utilizzata per tutta la durata del progetto:

  • Predazione da parte del lupo sul bestiame
  • Uso ottimale dei pascoli alpini
  • L’impatto delle attività pastorali sulla biodiversità e sul turismo
  • Legislazione in materia di protezione e risarcimento
  • Prospettiva storica della protezione del bestiame
  • Valutazione della protezione del bestiame nelle culture locali


A.4 Valutazione dell’attuale applicazione della protezione del bestiame

LIFEstockProtectLIFEstockProtect

La formazione degli allevatori e dei consulenti è importante per garantire l’attuazione di misure efficaci per la protezione del bestiame nelle regioni in cui sono prevalenti i conflitti tra l’uomo e la natura. Per creare un programma di formazione efficace, creeremo un inventario dei programmi di formazione esistenti per la protezione del bestiame che vengono condotti in centri di formazione ufficialmente certificati nelle regioni coinvolte nel progetto. Saranno identificate le lacune nella formazione esistente in materia di protezione del bestiame e valuteremo in che misura i programmi di studio comprendono componenti o moduli sui temi delle
misure di protezione del bestiame.

Inoltre, l’attuazione della protezione del bestiame ha successo solo se si può garantire una buona qualità di materiale su cui basarsi. Pertanto, la seconda parte della valutazione si concentrerà sulla creazione di un inventario di strumenti per la protezione del bestiame.


A.5 Definizione dei protocolli

La coerenza degli strumenti, come le linee guida e i protocolli, in tutta la regione del progetto è importante per migliorare la cooperazione internazionale e lo scambio di esperienze sull’attuazione della protezione del bestiame. Ciò contribuirà a ridurre l’incoerenza delle legislazioni nazionali e regionali in tutta l’area del progetto Per fare questo, valuteremo:

  • Criteri di valutazione dei test sui materiali per il laboratorio per le recinzioni per la protezione del bestiame
  • Allevamento dei cani da guardiania e protocolli per la certificazione del loro addestramento
  • Protocollo di addestramento dei cani da fiuto (scatdog)


A.6 Formazione e sviluppo dei programmi di studio

LIFEstockProtect

I programmi di formazione per l’azione di conservazione C.1 devono essere sviluppati, testati e valutati prima della loro attuazione. Tutti i curricula avranno una struttura modulare che consenta al progetto di adattare la formazione a gruppi target specifici e alle esigenze locali. La formazione dei principali stakeholder costruirà le capacità per accettare e, per la maggior parte, attuare la protezione del bestiame. Saranno sviluppati i seguenti curricula:

  • Formazione di allevatori principianti ed esperti
  • Formazione di consulenti per la protezione del bestiame
  • Centri di competenza per la protezione del bestiame
  • Educazione dei giovani

Author

  • -
X
X
X
X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: