Giugno 2021 News Update

Il mese scorso è stato, finalmente, un mese pieno di visite sul campo! Dopo che il team di LIFEstockProtect ha incontrato online gli agricoltori interessati a unirsi alla rete alpine LIFEstockProtect Competence Center Network, ora stiamo visitandoli in loco. Le visite finora sono state piene di interessanti approfondimenti sulle condizioni locali e forniscono la base per piani ambiziosi per il futuro. Oltre a ciò, il progetto ha anche finalizzato tre sotto-azioni preparatorie e pubblicato un’indagine quantitativa sulla percezione della protezione del bestiame.

Visitare i centri di competenza

Per comprendere quali sono le esigenze, le esperienze e le aspettative dei potenziali centri di competenza in Alto Adige, Austria e Baviera, è stato fondamentale visitarli in loco. Per questo motivo, il team del progetto ha trascorso tre settimane in giugno visitando più di 20 aziende agricole che vanno dalla pianura ai pascoli di alta montagna. È stato impressionante vedere quanto siano diverse le circostanze all’interno e tra i tre diversi paesi del progetto. Gli allevatori e i pastori sono stati in grado di mostrare al gruppo di progetto che tipo di protezione del bestiame, se esiste, hanno praticato finora e dove è necessario migliorare. In questo modo, gli esperti di protezione del bestiame del progetto sono stati in grado di dare loro consigli e discutere le opzioni di formazione che possono avvenire nelle loro azienda agricola.

Durante due giorni in Austria, la squadra è stata accompagnata da un reporter del canale radio Ö1. Ha avuto modo di vedere e registrare, tra gli altri, un giovane allevatore della Carinzia che è desideroso di iniziare a imparare come proteggere il suo bestiame e un pastore e una pastorella che recentemente hanno dovuto affrontare delle depredazioni. Vediamo come viene fuori il documentario radiofonico! Naturalmente vi terremo aggiornati e presto pubblicheremo anche un articolo più dettagliato sulle visite.

Come base per i programmi di formazione per la protezione del bestiame, il progetto ha anche appena finalizzato un inventario dei corsi di formazione disponibili nella regione del progetto. In totale, è stato possibile identificare 36 corsi di cui la maggior parte sono/sono stati tenuti in Italia, seguita da Germania e Austria. È interessante notare che la partecipazione alla maggior parte di essi è sovvenzionata, mentre solo il 50% circa insegna teoria e pratica. Al contrario, le formazioni previste nell’ambito di LIFEstockProtect si concentreranno principalmente sul lato pratico della protezione del bestiame, accompagnato, a seconda del focus del corso, da un’introduzione teorica e dalla sua convalida sul campo.

Stakeholder diversi come il progetto

Abbiamo informato in precedenza la conduzione di un’analisi degli stakeholder in tutta la regione del progetto. Ora, questa sotto-azione è stata finalizzata, e i risultati hanno dato approfondimenti interessanti. Essi suggeriscono che il gruppo di stakeholder più direttamente interessato dalla protezione del bestiame, gli allevatori, è per lo più scettico verso l’argomento, nonostante sia molto interessato. I risultati indicano anche che non sono abbastanza influenti da cambiare direttamente le condizioni per la sua attuazione (per esempio, i sussidi). Oltre a ciò, le autorità e i politici svolgono un ruolo importante. Altri gruppi rilevanti erano le associazioni per l’uso della terra, la protezione dell’ambiente, rispettivamente i diritti degli animali, le associazioni e gli scienziati ed esperti. I risultati di questa analisi generano la base per le seguenti azioni di conservazione del progetto sul coinvolgimento degli stakeholder e guideranno anche tutte le altre azioni del progetto.

Al momento, il progetto indaga anche la percezione della protezione del bestiame attraverso un questionario quantitativo. Se sei un allevatore, un turista, un operatore turistico o un cacciatore, puoi sostenere l’indagine compilando il questionario in tedesco o italiano.

LIFEstockProtect nei news Giugno 2021

10/06/2021 Bayern Aktuell
13/06/2021 ÖNetz
24/06/2021 Der Ennstaler

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: