In che modo i cani da guardiania proteggono il bestiame?

This post is also available in: Tedesco Inglese

I cani da guardiania proteggono il bestiame sui pascoli da predatori come il lupo. Vengono allevati insieme agli animali e proteggono il gregge, specialmente di notte, per prevenire attacchi. Singoli casistudi in tutta Europa hanno dimostrato la loro efficacia nel ridurre la predazione. Tuttavia, finora nessuno studio ha indagato come i cani da guardiania interagiscano effettivamente con i lupi nei pascoli. Sapere questo migliorerebbe notevolmente l’uso efficace dei cani da guardiania sul campo. Ora, un nuovo studio condotto sulle Alpi francesi, rivela interessanti aspetti sulla questione.

La situazione nelle Alpi francesi

Durante l’estate circa 690.000 pecore si spostano dalle pianure della Francia meridionale verso le Alpi. Lì trascorrono da quattro a cinque mesi sugli alpeggi. Lì, molti pastori si affidano a cani da guardiania per proteggere le loro pecore. Sebbene in qualche modo efficace, il numero di predazioni è in aumento. Tra il 2017 e il 2019, circa 12.167 capi di bestiame sono stati compensati in media ogni anno in tutto il paese a causa di una possibile predazione da parte dei lupi. Il lupo (Canis lupus) sta espandendo il suo areale e aumentato in numero in tutta l’Europa occidentale, inizialmente dall’Appennino alle Alpi francesi, svizzere e austriache. In Francia, circa la metà di tutti i branchi di lupi si trovano nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Comprendere le interazioni tra cani e lupi potrebbe migliorare l’efficacia di questa misura di protezione del bestiame. Ad oggi, le conoscenze si basano principalmente su informazioni indirette come la memoria degli agricoltori, i rapporti e gli aneddoti. Anche se l’evidenza aneddotica ha valore perché descrive un comportamento che raramente viene osservato direttamente sui pascoli, è troppo rara e sparsa per capire veramente le interazioni sottostanti. Uno studio pubblicato a dicembre 2020 fa ora luce su questo. Lì, un nuovo protocollo di monitoraggio notturno che utilizza la tecnologia di imaging termico ha permesso ai ricercatori di osservare direttamente gli eventi che si verificano sui pascoli durante la notte.

Più interazioni significano meno predazione

I ricercatori hanno monitorato cinque greggi di pecore per un massimo di sei anni. Hanno classificato i tipi di risposta mostrati durante le interazioni cane-lupo in quattro categorie: agonistica, ricerca dei lupi sul pascolo, non aggressiva e vocalizzazione. Dal tramonto all’alba, due o tre osservatori stazionati tra 300 e 700 m dal gregge hanno fatto dei turni per scrutare le pecore e i loro dintorni con un binocolo a infrarossi. I risultati hanno mostrato che tre caratteristiche sembravano diminuire il rischio di predazione del lupo sulle pecore:

  • La gregarità delle pecore (gregge contro piccolo gruppo isolato) sul pascolo,
  • la presenza di cani da guardiania,
  • e la capacità dei cani di interagire con i lupi.

Ad esempio, gli ovini che facevano parte di piccoli gruppi isolati erano più a rischio di attacco e predazione rispetto agli ovini rimasti con il gregge. Ciò può essere spiegato dalla presenza di cani da guardiania con il gregge, che non è sempre il caso quando le pecore sono isolate. Nel complesso, attacchi di lupi senza cani da guardiania hanno portato ad un aumento delle pecore attaccate. Ciò dimostra che la presenza di cani ha comunque diminuito il rischio di predazione, anche se non è sempre stato sufficiente per evitare un attacco o un’uccisione.

Il numero di interazioni con i cani ha anche giocato un ruolo importante ogni volta che i lupi si avvicinavano a un gregge. Nel complesso, più interazioni significavano meno predazione. Questo potrebbe essere dovuto al dispendio di energia e al rischio maggiore per i lupi quando le interazioni con i cani sono forzate. Interazioni ripetute potrebbero alla fine anche evitare l’ uccisione delle pecore dal lupo. Mostra anche quanto sia importante incoraggiare il senso per l’attenzione e la protezione in questi cani durante l’allevamento e l’addestramento.

Più cani in diverse aree risultano in una migliore protezione

L’avvicinamento dei lupi non ha sempre scatenato una risposta da parte dei cani, soprattutto perché i lupi non minacciavano il gregge. Come previsto, la maggior parte delle interazioni erano agonistiche. Gli incontri letali tra cani da guardiania e lupi erano rari. Qui, è importante notare che nei siti di studio i lupi erano quasi sempre in minoranza rispetto ai cani. Un gran numero di cani è essenziale quando le pecore vagano liberamente. Aumentano il numero di interazioni con i cani e, quindi, diminuiscono la predazione.

Nei siti di studio, alcuni cani formavano i confini esterni della zona di guardia impegnandosi in inseguimenti con i lupi lontano delle greggi Altri formarono i confini interni rimanendo con le pecore. Uno dei risultati chiave è stato che questa strategia era la più efficace nella protezione del bestiame. Perché, una volta che i lupi erano vicini al gregge, era molto difficile per i cani proteggere tutte le pecore. Inoltre, metà delle interazioni tra cani da guardiania e lupi si sono verificate a una distanza superiore a 300 m dal gregge. Per questo motivo, avere cani in zone diverse, lontano e vicino al gregge, previene gli attacchi letali nel modo più efficace. Un altro vantaggio di avere un grande gruppo di cani è che il gruppo può essere strutturato come una piramide di età, con giovani cani da apprendimento (per sostituire i vecchi), cani da lavoro maturi e vecchi cani da lavoro.

Certamente, questi risultati devono essere trattati come area-specifici e potrebbero non essere completamente applicabili ad altre regioni. Tuttavia, ha dimostrato che le interazioni tra i cani da guardiania e i lupi sono costituite da una complessa serie di comportamenti che non sono ancora pienamente compresi. Questo e futuri studi di questo tipo supporteranno notevolmente l’uso di cani da guardiania come misura di protezione del bestiame. Saremo alla ricerca di studi di questo tipo per includerli nei corsi di formazione previsti per la protezione del bestiame.

Qui sotto potete trovare lo studio completo nel caso vogliate dare un’occhiata ai risultati.

Please wait while flipbook is loading. For more related info, FAQs and issues please refer to DearFlip WordPress Flipbook Plugin Help documentation.

Rimani aggiornato con la nostra Newsletter!

Author

Rispondi

X
X
X
X
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: