Qual è l’efficacia sociale della protezione del bestiame?

Quando si conducono ricerche sull’efficacia delle misure di protezione del bestiame, devono essere considerate due dimensioni: gli elementi sociali ed ecologici. Tuttavia, la maggior parte degli studi finora si è concentrata solo su elementi ecologici. Di conseguenza, l’ipotesi che la comprovata efficacia scientifica guidi gli agricoltori ad attuare misure spesso si rivela errata nella pratica. Ora, uno studio pubblicato nell’agosto 2021 getta nuova luce sul perché questo potrebbe essere il caso, utilizzando il termine “efficacia sociale”.

Cosa rende la protezione del bestiame di successo?

Mentre le grandi popolazioni di carnivori si stanno riprendendo, i proprietari di bestiame richiedono nuove strategie o recuperano vecchi strategie per proteggere i loro animali. A causa di ciò, c’è stata una spinta per la ricerca applicata sugli strumenti di protezione del bestiame. Gran parte di questa ricerca, tuttavia, esclude la natura socio-ecologica del problema concentrandosi solo sul fatto che lo strumento funzioni o meno in ambienti controllati. In realtà, le decisioni dei proprietari di bestiame di solito non sono informate dalla ricerca accademica. Le prove scientifiche sono spesso persino contestate o respinte quando il conflitto sociale è intenso.

Per progettare uno studio olistico, Volski et al. (2021) hanno concentrato la loro ricerca su due punti: l’accettabilità sociale attraverso interviste qualitative e l’efficacia ecologica attraverso un ambiente di studio controllato. Nasce così il termine efficacia sociale, con l’obiettivo di indagare come non solo i fatti ecologici ma anche i costrutti sociali influenzino l’efficacia dell’implementazione della protezione del bestiame.

Impostazione dello studio

Lo studio è stato condotto nel nord della California, negli Stati Uniti. Lì, hanno studiato l’efficacia dei cosiddetti Foxlights per ridurre l’attività dei coyote. Inoltre, hanno condotto interviste qualitative con i proprietari del bestiame sia prima che dopo aver condiviso i risultati scientifici dell’efficacia ecologica dello strumento.

In questo modo, miravano a capire come la scienza è integrata nel processo decisionale di un proprietario e quali altri fattori socio-ecologici servono come opportunità e barriere all’adozione degli strumenti. Hanno anche esaminato se l’integrazione iterativa delle conoscenze delle parti interessate abbia migliorato la ricettività ai risultati empirici e migliorato l’affidabilità sia della ricerca che dei ricercatori.

Risultati dello studio

La ricerca ha dimostrato che una valutazione integrata dell’efficacia sociale che combina efficacia ecologica e accettabilità sociale aggiunge nuove dimensioni critiche alla comprensione del perché (o perché no) vengono implementati gli strumenti di protezione del bestiame.

I risultati empirici dello studio sull’efficacia ecologica hanno fornito prove deboli che i Foxlight influenzano l’attività dei coyote, ma la maggior parte dei proprietari di bestiame intervistati credeva ancora che Foxlights avesse il potenziale per essere efficace. In altre parole, l’analisi empirica non ha dato loro motivo di respingere Foxlights come inefficace, ma piuttosto ha dato loro motivo di appoggiarsi a trovare modi per renderlo più efficace. Pertanto, esempi empirici di efficacia potrebbero non essere ciò che guida gli atteggiamenti verso strumenti come Foxlights. I proprietari hanno anche sottolineato l’importanza di incorporare la variabilità ambientale,l’ecologia del coyote e altre strategie di gestione nelle valutazioni empiriche degli strumenti.

Ciò che spiccava era anche la generale mancanza di fiducia nella ricerca. Secondo entrambi i cicli di interviste, gli intervistati si sono affidati a più punti vendita e fattori per prendere decisioni di gestione. Il passaparola è servito come la fonte di informazioni più importante. Ciò significa che l’adozione di uno strumento per lo più, come lo ha descritto un intervistato, “dipende da chi raccomanda quello strumento”. Con questo contano vari tipi di relazioni: altri proprietari di bestiame, vicini, proprietari terrieri, fornitori, amici e ricercatori. Quando i proprietari ricevevano informazioni dai ricercatori, i ricercatori spesso lavoravano per la loro agenzia di gestione del territorio o avevano lavorato con qualcuno che conoscevano personalmente. Nel complesso, gli intervistati non si sono comunemente affidati a documenti di ricerca accademici per prendere decisioni.

Il futuro della ricerca sulla protezione del bestiame

I proprietari di bestiame prendono decisioni attraverso considerazioni olistiche delle dinamiche di produzione facendo affidamento sul trasferimento di conoscenze sia tecniche che culturali. Ad esempio, un giovane produttore può conoscere le tecniche delle generazioni più anziane, la propria esperienza della propria terra e da fonti scientifiche. In tal modo, le dimostrazioni scientifiche dell’efficacia ecologica di uno strumento sono solo un fatto tra i tanti. Quando comunicano la scienza, i ricercatori devono esserne consapevoli.

Pertanto, i ricercatori dovrebbero continuare a testare gli strumenti, ma anche lavorare a stretto contatto con le parti interessate per sollecitare feedback. Ad esempio, la collaborazione con i proprietari di bestiame per raccogliere dati consentirà ai ricercatori di imparare dalle loro conoscenze e intuizioni, creare fiducia, fornire esposizione agli strumenti e ridurre le barriere che consentono l’accesso alla conoscenza. Alla fine, tali approcci possono guidare l’adozione di strumenti e promuovere pratiche sane.

LIFEstockProtect è già stato sviluppato concentrandosi sugli aspetti sociali e pratici della protezione del bestiame, sia in termini di stabilire uno stretto contatto con le parti interessate che di materiali per la protezione del bestiame che di test sul campo. L’esperienza finora ha dimostrato che si tratta di un argomento molto complesso, in quanto le situazioni variano tra paesi, terreni, contesti sociali ed ecologici e che solo strette collaborazioni tra tutti i gruppi di stakeholder, a partire dal consorzio del progetto LIFEstockProtect,possono portare al successo.

Please wait while flipbook is loading. For more related info, FAQs and issues please refer to DearFlip WordPress Flipbook Plugin Help documentation.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: