Un pastore si incammina verso una nuova direzione. Un aggiornamento dalla Val Venosta

La salita per raggiungere Erich non è affatto facile. La camminata dal pascolo fino ad arrivare dove si trova lui e il suo gregge di oltre 400 pecore è ripida e non c’è alcun sentiero segnato. Erich conduce le sue pecore al pascolo sulle montagne della Krippaland-Alm, al confine con la Svizzera. Erich è lavorato come pastore per oltre un decennio, praticando il pascolo guidato accompagnato dai suoi due fidati cani da pastore. Per questa stagione pascoliva c’è però una novità: due cani da guardiania di razza Maremmano Abruzzese lo affiancano nel suo lavoro. I cani erano già stati a contatto con pecore, ma questa era la loro prima esperienza in alpeggio. C’erano molti dubbi sul fatto che tutto questo potesse funzionare con i cani. Nonostante ciò, Erich ha voluto fare un tentativo comunque sia: “Ora sono contento che siano qui”.

Prima della stagione al pascolo: Familiarizzazione tra persone e animali. Foto: Johanna Platzgummer

I risultati sono stati finora positivi. I cani svolgono il loro lavoro in modo intuitivo e, finora, non si sono verificati incidenti con gli escursionisti. Durante la notte, i cani pattugliano il recinto notturno delle pecore; di giorno invece, possono riposare in un rifugio mentre Erich si sposta con le pecore.

“Il nemico principale è il maltempo e la nebbia. In quelle circostanze, spesso non si ha alcuna possibilità”.

Erich ha subito due depredazioni delle sue pecore avvenute di notte, con il brutto tempo, fuori dal recinto e lontano dal rifugio e dai cani. Purtroppo una protezione del bestiame totale non è possibile, ma i risultati finora sono stati comunque sia positivi, soprattutto dopo la conferma della presenza dei lupi.

“Non è facile, soprattutto quando si lavora da soli. Per fortuna ogni volta ci sono persone che si mettono in contatto con noi desiderose di aiutarci”.

L’interesse per la pastorizia come lavoro sta andando incontro ad una rinascita. E questo interesse deve essere incoraggiato per sostenere la pastorizia e i pastori, che ora hanno compiti da svolgere completamente nuovi nell’ambito della protezione del bestiame. Quest’anno, LIFEstockProtect ha iniziato a costruire una rete di volontari sia per incarichi brevi che lunghi con pastori e pastore, oltre che con allevatori. Se interessati alla reti di volontari, ci si può registrare qui.

Nel frattempo, Erich si sta arrampicando di nuovo sul pendio per prendere nuove recinzioni per costruire una recinzione per il maltempo, per ogni evenienza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: